Area Attuatori  (Avvisi FEMI)


Chi è l’Ente Attuatore (EA)

Per FondItalia, l’EA ha la gestione operativa e finanziaria delle attività formative svolte in favore dei dipendenti delle Imprese beneficiarie, effettuata tramite la presentazione di Progetti formativi e la richiesta di contributi a valere sugli Avvisi FEMI.

Accreditamento Enti Attuatori

Tutte le Strutture formative che intendono operare per il segmento della formazione continua con FondItalia devono obbligatoriamente fare richiesta di Accreditamento per la gestione di Progetti di formazione continua presso il Fondo secondo le modalità previste dal Regolamento di Accreditamento per le Strutture Formative 2016.

La richiesta di Accreditamento viene formalizzato mediante l’invio, unicamente per posta raccomandata AR, del Formulario di Accreditamento delle strutture formative a FondItalia 2016, debitamente compilato in tutte le sue parti (Sezione A e B + lettera di accompagnamento).

Modalità di Accreditamento per Enti già in possesso dell’Accreditamento regionale
Qualora l’Ente sia già in possesso dell’Accreditamento per la gestione di Progetti di formazione continua presso la Regione dove si svolgerà la formazione, dovrà compilare SOLO una parte del Formulario per l’Accreditamento 2016 (Sezione A + lettera di accompagnamento), indicando gli estremi dell’accreditamento presso la Regione in cui intende operare e allegando la documentazione attestante tale Accreditamento.

Modalità di Accreditamento per gli Enti in elenco
Qualora l’Ente sia:

    • una struttura sindacale nazionale, settoriale e/o territoriale, aderenti a UGL
    • associazione aderente a FederTerziario di livello locale e nazionale
    • un’impresa anche in consorzio, ATI o ATS
    • una Società capogruppo aderente a FondItalia per società controllate e/o partecipate aderenti

dovrà compilare SOLO una parte del Formulario per l’Accreditamento 2016 (Sezione A + lettera di accompagnamento) accompagnata da una attestazione di referenze (presente nel Formulario) controfirmata dal Legale Rappresentante di UGL, FederTerziario, impresa per se stessa, impresa in consorzio, ATI, ATS, società capogruppo aderente a FondItalia per società controllate e/o partecipate aderenti).

Per chiarimenti in merito alla compilazione del Formulario, inviare un’email utilizzando l’apposito form di Assistenza Tecnica – Area Riconoscimento Proponenti e Accreditamento Attuatori.

Lista degli Attuatori accreditati

Presenta il Progetto formativo

Per la presentazione di un Progetto è necessario:

Utilizza il Simulatore per il calcolo del Cofinanziamento.

PER GLI ENTI ATTUATORI

L’Ente Attuatore (EA) che ha presentato un Progetto e che ha ottenuto il finanziamento, ne riceve comunicazione dal Fondo via email.

A questo l’EA dovrà:

  1. entrare nella Piattaforma Femiweb, utilizzando la stessa user id e password usati per la presentazione del Progetto, dove troverà il suo Progetto approvato;
  2. attendere la ricezione da parte del Fondo della Convenzione firmata dal Presidente di FondItalia e restituire una copia firmata (in originale) via posta ordinaria a FondItalia (Via Cesare Beccaria, 16 – 00196 Roma) – entro i 30 giorni successivi alla data di approvazione del contributo da parte del Fondo;
  3. documentare il regolare svolgimento nella fase di gestione operativa sulla Piattaforma Femiweb.

Anticipi con Fideiussione

E’ possibile richiedere anticipi fino al 75% del contributo a fronte di fideiussione*.
Scarica qui il format per la Richiesta di anticipazione del contributo da parte dell’Ente Attuatore di Progetto + Schema di polizza fideiussoria
*Nel caso in cui il finanziamento totale preveda un apporto proprio da parte dell’impresa, la richiesta di anticipo dovrà essere ovviamente calcolata soltanto sulla quota di contributo richiesta e approvata dal Fondo e non sulla quota di apporto proprio.

Registri

Nella fase di realizzazione delle attività formative, l’Ente Attuatore è tenuto ad utilizzare idonei registri di presenza dei partecipanti.
Qui è possibile scaricare il format FondItalia Registro Didattica 2018.
Gli Attuatori che abbiano già propri Registri, possono utilizzarli per la gestione dei Progetti FondItalia purché contengano le informazioni e le sottoscrizioni previste nel modello tipo indicato.

Vidimazione

L’intero registro, comprensivo di copertina e pagine numerate progressivamente, dovrà essere vidimato in data antecedente l’effettivo inizio delle attività formative da un pubblico ufficiale (Direzione Provinciale del Lavoro, Regione, Provincia, Comune, Uffici Postali) o da un Revisore contabile iscritto all’Albo o da un Notaio.

È ammessa anche la preventiva vidimazione da Parte di FondItalia.
Al fine di usufruire del servizio di vidimazione del registro didattico fornito da FondItalia, gli Enti Attuatori dovranno seguire la seguente procedura:

1) Inserire correttamente in piattaforma FEMIWEB tutti i dati richiesti relativi a:

  • sede formativa
  • docenti associati
  • discenti associati
  • sede didattica
  • calendario formativo

2) Inviare, all’indirizzo di posta vidimazione@pec.fonditalia.org non oltre i 10 giorni precedenti all’ingresso in aula, il registro in formato pdf, correttamente compilato in tutte le sue parti.

Sarà cura del Fondo rispedire all’Ente Attuatore, sempre mediante pec, i registri vidimati. Si precisa che i registri compilati in difformità con le precedenti indicazioni ed inviati oltre il termine stabilito non saranno presi in considerazione.

Eventuali variazioni relative a calendario didattico e sedi in cui verranno effettuati i corsi dovranno essere riportate sulla specifica pagina, previa ed esplicita autorizzazione da parte di FondItalia.

Eventuali costi sostenuti per la vidimazione dei Registri sono ammissibili all’interno del contributo previsto per il Progetto.

Richiedi variazioni Progetto

Per richiedere eventuali variazioni nella fase di gestione del Progetto (variazione calendario; sostituzione Aziende Beneficiarie; inserimento nuova Delega – ATS; cambio composizione aule didattiche, etc) è necessario compilare la Richiesta di variazione Progetto ed inviarlo ad variazioni@fonditalia.org

Richiedi proroga una tantum

L’EA può richiedere, una tantum, entro e non oltre i 30 giorni precedenti la data di fine Progetto, una proroga di ulteriori 180 giorni.

Per richiedere la proroga è necessario compilare il Modello 3 – Domanda di proroga del Progetto ed inviarlo a variazioni@fonditalia.org

Rinuncia al contributo

Gli Enti Attuatori, qualora intendano rinunciare al contributo, devono darne immediata comunicazione a FondItalia compilando il Modello 1 – Rinuncia alla partecipazione ed al contributo relativo al Progetto ed inviarlo a variazioni@fonditalia.org

Presenta la rendicontazione finale

La rendicontazione dei Progetti formativi avverrà sulla base di:

  • costi reali, relativi ai costi diretti corrispondenti agli ITEM A.1), A.2), A.3);
  • costi a forfait, relativi ai costi indiretti corrispondenti all’ITEM B. In tal caso si potranno prevedere costi indiretti forfettari fino a un tasso del 10% dei costi diretti, al netto della quota di cofinanziamento, a condizione che la percentuale sia determinata ex ante.

L’Item – Cofinanziamento dovrà essere rendicontato esclusivamente per Progetti formativi presentati

a valere sugli Avvisi Pubblici ed è relativo al mancato reddito delle imprese beneficiarie che

corrisponderà al costo del lavoro dei dipendenti in formazione.

Il costo del lavoro dovrà essere rendicontato a costi reali attraverso la presentazione della seguente

documentazione:

  • dichiarazione sul CCNL applicato, rilasciata dal Legale Rappresentante dell’impresa beneficiaria
  • ai sensi del DPR 445/2000. Tale dichiarazione dovrà essere corredata da documento di identità in
  • corso di validità;
  • calcolo costo orario lordo dei dipendenti in formazione;
  • buste paga annullate pro quota10 e relativi bonifici di pagamento dei dipendenti in formazione;
  • F24 quietanzati relativi al versamento dei contributi.

In alternativa è possibile presentare il Modello 2. Autodichiarazione mancato reddito aziendale