Egidio Sangue all’Innovation Training Summit: «La riqualificazione delle competenze più urgente che mai»

«Fra i compiti dei Fondi interprofessionali deve esserci anche sollecitare la consapevolezza nelle imprese e nella società che la maggiore formazione professionale significa mantenere i livelli occupazionali. Investire sull’upskill delle competenze professionali è oggi prioritario in uno scenario che vede popolazione lavorativa invecchiare e 3 milioni di posti di lavoro che si libereranno nei prossimi 5 anni».

Lo ha sottolineato il Direttore di FondItalia Egidio Sangue nell’ambito dell’Innovation Training Summit, che si è svolto giovedì 21 e venerdì 22 marzo 2024 Auditorium Conciliazione di Roma.

Sangue è intervenuto nella prima giornata della manifestazione all’interno di un panel dedicato ai Fondi Interprofessionali, al quale hanno partecipato anche Paolo Carraro (Dipartimento Mercato del Lavoro della Cisl), Angelo Pagliuca (Direttore di Forma.Temp) e Michele Distefano (Direttore di For.Agri, Fondo dedicato alle imprese del settore agricolo). 

I temi del dibattito 

Il confronto, moderato dal Managing Partner di Enzima12 Fabrizio Gallante, si è sviluppato lungo diversi temi. 

Paolo Carraro ha sottolineato l’importanza di rafforzare il legame tra i Fondi Interprofessionali e i centri per l’impiego al fine di garantire che la formazione finanziata raggiunga tutti i lavoratori, sottolineando la necessità di un’impostazione politica che acceleri questo processo.

Mentre Angelo Pagliuca ha portato l’attenzione sul cambiamento nell’erogazione della formazione professionale negli ultimi cinque anni, evidenziando l’ampio impiego della formazione digitale e a distanza.

Di digitale ha parlato anche Michele Distefano, che ha evidenziato la crescente richiesta di competenze digitali da parte delle aziende agricole a causa del ruolo sempre più centrale che l’innovazione tecnologica svolge nella filiera. 

Infine Egidio Sangue, dopo aver affrontato la questione dell’importanza strategica degli investimenti nell’upskilling delle competenze, ha ricordato come «il sistema dei Fondi italiani raggiunge, annualmente, oltre 93.000 imprese e circa 1,5 milioni di lavoratori, nonostante in Italia le risorse a disposizione dei Fondi interprofessionali siano più basse di quelle di altri paese europei». Il Direttore di FondItalia ha inoltre parlato di C+, lo strumento di certificazione delle competenze creato da FondItalia che offre ai lavoratori un percorso assistito per attestare e validare le competenze acquisite lungo l’arco della vita.

Il messaggio del Ministro Urso 

Prima dell’inizio del panel, è stato letto un messaggio inviato dal Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, che ha sottolineato l’importanza della riqualificazione delle competenze e della riduzione del mismatch fra domanda e offerta di lavoro per lo sviluppo dell’economia italiana.

Innovation Training Summit

L’Innovation Training Summit, il cui main sponsor è FondItalia, si propone come il primo evento istituzionale B2B a livello nazionale mirato a mettere in contatto tutti gli attori chiave del panorama formativo e aziendale, con l’obiettivo di rilanciare una nuova economia del lavoro, della formazione e dell’orientamento innovativo.